Archivi tag: Polonia

Report geopolitico del 5 luglio 2017

Rassegna ragionata dei principali accadimenti di politica internazionale 

UNITÀ DI CRISI 

COREA DEL NORD. In risposta al lancio missilistico nordcoreano Stati Uniti e Corea del Sud hanno effettuato una serie di esercitazioni congiunte, nel corso delle quali é stato effettuato il lancio di alcuni missili balistici.

DIPLOMAZIA ALL’APERTO

USA-POLONIA. Il presidente americano Donald Trump si recherá in visita di stato in Polonia dove, oltre al presidente polacco Andrzej Duda, incontrerà i capi di stato dei paesi Del Mar Baltico, Mar Adriaticoe Mar Nero, riuniti sotto la sigla dell’Iniziativa dei Tre Mari. 

É L’ECONOMIA, BELLEZZA

MERCATI. DJ (-0,03), FTSE 100 (0,14), DAX (0,13), CAC40 (0,10), FTSE MIB (-0,44), Nikkei (0,25), Hang Seng (0,52).

VALUTE €/x. $ (1,134), £ (0,876), ¥en (128,538), ¥uan (7,710), CHF (1,094), Real (0,267), Rub (0,0146).

COMMODITIES. WTI (45,02). Brent (47,68), Gas (2,85), Oro (1.222,70), Argento (15,89), Rame (2,65), Cotone (0,84), Zucchero (0,14), Mais (375,75), Soia (974,75), Grano (520,00), Avena (272,00), Riso (11,61).

Report geopolitico del 28 giugno 2017

Rassegna ragionata dei principali accadimenti di politica internazionale 

UNITÀ DI CRISI 

VENEZUELA. Un elicottero della polizia ha sparato alcuni colpi su un palazzo del ministero degli interni e lanciato granate sulla Corte Suprema, in quello che il presidente Maduro ha definito un atto terroristico.

SIRIA. Le forze turche hanno lanciato alcuni colpi di artiglieria sul,e milizi curde YPG dopo che queste ultime avevano attaccato le milizie filo turche impegnate nel conflitto siriano.

CYBERWAR. Un attacco cibernetica é stato effettuato ai danni di numerose compagnie private, a livello globale, colpendo principalmente Ucraina, Polonia e Russia.

É L’ECONOMIA, BELLEZZA

MERCATI. DJ (0,68), FTSE 100 (-0,63), DAX (-0,19), CAC40 (-0,11), FTSE MIB (1,24), Nikkei (0,53), Hang Seng (0,88).

VALUTE €/x. $ (1,140), £ (0,880), ¥en (128,003), ¥uan (7,732), CHF (1,092), Real (0,267), Rub (0,0148).

COMMODITIES. WTI (44,96), Brent (47,70), Gas (3,09), Oro (1.251,40), Argento (16,82), Rame (2,68), Cotone (0,84), Zucchero (0,14), Mais (357,00), Soia (918,25), Grano (461,25), Avena (269,50), Riso (11,42).


Report geopolitico del 9 marzo 2017


Rassegna ragionata dei principali accadimenti di politica internazionale 

UNITÀ DI CRISI

SIRIA. Gli Stati Uniti hanno inviato un contingente di Marines in Siria per condurre la battaglia finale per la conquista di Raqqa, caposaldo siriano dello Stato Islamico.

UE. Donald Tusk, ex premier liberal polacco dal 2007 al 2015, è stato riconfermato dal Consiglio Ue nella carica che già aveva di presidente e svolgerà una secondo mandato di due anni e mezzo. La sua rielezione ha però causato uno scontro politico con la Polonia che si era opposta alla sua rielezione e ora minaccia ritorsioni.

IL BORSINO

MERCATI. DJ (0,01), DAX (0,09), CAC40 (0,42), FTSE 100 (-0,27), FTSE MIB (0,46), NIKKEI (1,48), HANG SENG (0,14).

VALUTE €/x. $ (1,059), £ (0?871), ¥en (122,259), ¥uan (7,323), CHF (1,072).

COMMODITIES. WTI (49,68), Brent (52,54), Gas (3,00), Oro (1.197,10), Argento (16,92), Rame (2,57), Mais (359,00), Soia (995,00), Grano (426,00), Avena (264,00), Riso (9,47), Cotone (0,74), Zucchero (0,21).

Il caso particolare dell’exclave russa di Kaliningrad

  
(BBC)

Nel cuore dell’Europa, affacciata sul Mar Baltico, incastonata tra Polonia e Lituania si trova la città di Kaliningrad. La città, e la regione che la circonda, si estendono per 15mila chilometri quadrati, tra territori lituani e polacchi, ma fanno parte giuridicamente della Russia da circa 70 anni. Alla fine della seconda guerra mondiale l’allora Unione Sovietica pretese, come riparazione di guerra, la città, allora chiamata Konigsberg, e l’area circostante per assicurarsi un ulteriore sfogo sul Mar Baltico. In seguito Konigsberg venne rinominata Kaliningrad, in onore di Mikhail Kalinin, formalmente capo dell’Unione Sovietica dal 1919 al 1946, e da allora ospita la Flotta russa del Mar Baltico nel porto di Baltiysk. Kaliningrad rappresenta una particolarità geografica poco comune è, infatti, un’exclave della Russia, ma non è un’enclave in quanto il suo territorio non è contenuto interamente all’interno di un unico stato. La città è tornata alla ribalta per un motivo: nel dicembre del 2014 la Russia ha confermato di aver dispiegato missili nucleari Iskander a corto raggio nelle aree adiacenti la città. La mossa è chiaramente in funzione anti-NATO, data la più volte manifestata volontà da parte dell’organizzazione del Patto Atlantico di voler schierare missili balistici in Polonia e Repubblica Ceca. Lo stesso governo polacco ha risposto disponendo la costruzione di sei torri di osservazione al confine, per monitorare la situazione. Kaliningrad è uno di quei casi che, in considerazione della sua particolarità geografica, può generare conseguenze anche sul piano geopolitico. Non è escluso che Valdimir Putin possa utilizzare questa exclave per rivendicare il possesso di altri territori, così come accaduto per la Crimea. Nel frattempo è stata inserita nella lista delle 13 città destinate ad ospitare le partite di calcio dei Mondiali del 2018, che appunto si svolgeranno in Russia, exclavi comprese!

FONTI
Il Post

BBC

BBC(2)

National Interest

The Globalist

New Eastern Europe

Pillole glopolitiche: 25 maggio 2015

 

TUNISIA: un soldato tunisino, probabilmente con problemi psichici, ha sparato ai suoi colleghi , all’interno di una base della capitale Tunisi, uccidendone sette e ferendone dieci, prima di essere, a sua volta, ucciso.

SPAGNA: le elezioni amministrative si sono concluse con la vittoria, di fatto, del partito Podemos, guidato da Pablo Iglesias. Nonostante abbiano perso molti consensi, il partito dei popolari di Mariano Rajoy resta ancora il primo partito del paese.

POLONIA: il nazionalista Andrzej Duda ha vinto il ballottaggio con il 53% dei voti ed é il nuovo presidente della Polonia, succedendo al conservatore Komorowski.

MALESIA: il capo della polizia malese ha rivelato il ritrovamento di 193 fosse comuni, dove sarebbero sepolti i migranti, uccisi dai trafficanti di uomini.

 

Pillole glopolitiche: 11 maggio 2015

  

YEMEN: i ribelli Houthi hanno accettato un cessate il fuoco della durata di cinque giorni, per permettere la distribuzione di aiuti umanitari alla popolazione yemenita, dopo un mese di continui bombardamenti da parte dell’aviazione saudita. Alcune ore prima i ribelli Houthi avevano dichiarato di aver abbattuto un F-16 dell’aviazione marocchina, impegnato nei raid aerei a supporto dei sauditi.

LIBIA: le forze di sicurezza libiche non hanno attaccato un cargo turco, che si stava avvicinando alle coste per offrire aiuto ai ribelli di Derna.

AFGHANISTAN: un attentatore suicida ha attaccato un bus che trasportava impiegati del governo, a Kabul, uccidendone tre e ferendone una decina.

MACEDONIA: 8 poliziotti e 14 terroristi sono morto a seguito di scontri avvenuti a Kumanovo, località al confine tra Macedonia e Kosovo. Gli assalitori apparterrebbero ad una sigla indipendentista legata all’UCK, l’esercito di liberazione del Kosovo.

REPUBBLICA CENTRAFRICANA: dieci milizie rivali hanno raggiunto un accordo di cessate il fuoco, nel tentativo di porre fine a due anni continui di conflitto.

POLONIA: i risultati delle elezioni presidenziali hanno consegnato il 34% dei voti espressi al nazionalista Andrzej Duda e il 32% al presidente uscente liberale Borislaw Komorowski. I due dovranno, adesso, sfidarsi al ballottaggio previsto per il 24 maggio.