Archivi tag: Afghanistan

Il disimpegno USA in Afghanistan

In queste prime settimane dell’anno ha fatto scalpore l’intendimento del presidente statunitense Donald Trump di voler ritirare le proprie truppe dalla Siria. Ci sono state molte e accalorate discussioni sull’argomento e lo stesso presidente Trump è sembrato attenuare le sue posizioni. In realtà la sua è una precisa strategia: lancia il messaggio, aspetta le reazioni, poi continua sulla sua strada. Il piano generale di Trump è quello di disimpegnare, completamente o in parte, le truppe statunitensi da tutti i teatri dove sono impegnate, compresi i contingenti NATO e ONU. Uno dei contingenti interessati da questo progetto di riduzione potrebbe essere quello impegnato in Afghanistan, che Trump vorrebbe ridurre di 7000 unità. Gli americani sono in Afghanistan da oltre 17 anni, il più lungo intervento militare della loro storia. Il paese è più o meno diviso a metà con il governo, secondo le ultime analisi, in controllo del 55% dei distretti del paese, ed i restanti in mano ai talebani. Senza contare che nel paese, già da alcuni anni, comincia a diventare sempre più forte l’influenza dell’ISIS che potrebbe stabilire qui un altro suo caposaldo. La dipartita dei soldati statunitensi, senza un’adeguata via strategica d’uscita, potrebbe generare maggiore instabilità nel paese, e liberare quelle forze finora tenute sotto controllo dallo sforzo americano. In aggiunta, il disimpegno USA lascerebbe campo libero a Mosca e Pechino, finalmente liberi di impegnarsi in un territorio a loro molto più prossimo. In questi ultimi mesi gli rappresentanti USA hanno incontrato diverse volte rappresentanti talebani, cercando di favorire i colloqui con il governo di Kabul e trovare una soluzione definitiva al conflitto. La speranza è che funzioni…

Annunci

I talebani chiedono aiuto alla Cina

È forse passata un po’ in sordina la notizia che uno dei leader dei talebani pachistani, Maulana Samiul Haq, ha chiesto alla Cina un maggior coinvolgimento nelle negoziazioni per porre fine al conflitto afghano. Nel corso di un seminario nei pressi di Peshawar Maulana Samiul Haq, ritenuto molto vicino anche ai talebani afghani, ha affermato che la Cina sarebbe la benvenuta nelle negoziazioni, in virtù della maggior presa nello specifico ambito regionale. Il governo cinese è da tempo interessato alla questione afghana, soprattutto per il probabile coinvolgimento degli Uiguri musulmani che causerebbe problemi nello Xinjiang. La Cina ha da tempo aumentato il suo impegno economico ed infrastrutturale nel martoriato Afghanistan, costruendo, secondo alcuni, anche una base segreta. Inoltre, Afghanistan e Pakistan rappresentano due snodi cruciali anche per lo sviluppo della Belt and Road Initiative.

Strani bombardamenti in Afghanistan

Alcuni funzionari afghani hanno segnalato alcuni bombardamenti avvenuti nel nord dell’Afghanistan, al confine con il Tagikistan, lo scorso 26 Agosto. I bombardamenti sarebbero avvenuti, secondo testimonianze locali, dopo scontri tra le forze di sicurezza tagiche e non meglio precisati uomini armati. Secondo alcune testimonianze i bombardamenti sarebbero avvenuti ad opera di aerei tagichi o russi, ma sia Mosca che Dushambe hanno negato qualsiasi tipo di coinvolgimento. Aldila delle responsabilità da accertare, l’episodio é avvenuto con una tempistica sospetta, data l’intenzione della Russia di convocare una conferenza con talebani e USA per il prossimo 4 settembre.

Reuters

Reuters

The Diplomat

Report geopolitico del 2 luglio 2018

Rassegna ragionata dei principali accadimenti di politica internazionale

UNITÀ DI CRISI

MALI. Un attacco condotto da miliziani jihadisti ai danni di un convoglio militare, nel nord e, paese, ha causato la morte di quattro persone ed il ferimento di altre 19, tra le quali alcuni soldati francesi impegnati nell’operazione Barkhane.

AFGHANISTAN. I miliziani dell’ISIS hanno rivendicato la paternità dell’attentato avvenuto domenica a Jalalabad, a seguito del quale sono morte 19 persone, la maggior parte appartenente all’etnia Sikh.

NIGER. Dieci soldati nigerini sono morti a seguito di un attentato condotto dai miliziani di Boko Haram nel sud est del Niger.

SUD SUDAN. I due gruppi in opposizione nel Sud Sudan si accusano a vicenda degli ultimi scontri avvenuti nel paese, dopo i recenti negoziati di Addis Abeba che sembravano porre fine a cinque anni di guerra civile.

UNA TESTA, UN VOTO

MESSICO. Il candidato della sinistra Andres Manuel Lopez Obrador ha vinto le elezioni presidenziali messicane, con il 53% delle preferenze.

DIPLOMAZIA ALL’APERTO

G5 SAHEL. Il presidente francese Emmanuel Macron si é recato nella capitale della Mauritania, Nouakchott, per partecipare al G5 Sahel.

É L’ECONOMIA, BELLEZZA

INDICI. DJ (0,15), Nasdaq (0,76), FTSE 100 (1,17), DAX (-0,55), CAC40 (-0,88), FTSE MIB (-0,92), IBEX (-0,67), Nikkei (-0,90), Hang Seng (-2,73), Shanghai (-1,27), VIX (16), Baltic Dry (1373,00)

VALUTE €/x. $ (1,17), £ (0,880), ¥en (128,21), ¥uan (7,646), CHF (1,154), Aus (1,574), Can (1,554), Rub (73,337), Real (4,404), Won (1303,95), Rup (79,645), Lyr (5,455).

COMMODITIES. WTI (65,62), Brent (74,457), Gas (2,965), Oro (1264,93), Argento (16,237), Rame (3,038), Platino (859,74), Palladio (962,00), Acciaio (4157,00), Alluminio (2171,00), Cobalto (80250), Nickel (14893,00), Litio (126,36), Soia (880,528), Grano (485,955), Cotone (83,44), Riso (12,567), Cacao (2568,00), Caffè (113,65), Avena (236,987), Lana (2021,00), Zucchero (11,89), Mais (351,211).

Report geopolitico del 20 giugno 2018

Rassegna ragionata dei principali accadimenti di politica internazionale

UNITÀ DI CRISI

YEMEN. La coalizione a guida saudita ha completato la conquista della città di Hodeidah, dopo aver preso possesso dell’aeroporto.

TURCHIA. Un assalto condotto da miliziani curdi nel sud est della Turchia ha provocato la morte di due soldati turchi ed il ferimento di uno.

AFGHANISTAN. Miliziani talebani hanno assaltato due checkpoint dell’esercito afghano, nel distretto di Bagdhis, causando la morte di 30 soldati.

DIPLOMAZIA ALL’APERTO

SUD SUDAN. Il presidente sud sudanese Salva Kiir ed il leader dei ribelli Riek Machar si sono incontrati nella capitale etiopica Addis Abeba, con l’intento di porre fine alla guerra civile che imperversa da cinque anni.

ONU. L’ambasciatrice americana all’ONU Nikki Haley ha comunicato che gli Stati Uniti lasceranno lo Human Rights Council.

É L’ECONOMIA, BELLEZZA

INDICI. DJ (-0,17), Nasdaq (0,72), FTSE 100 (0,31), DAX (0,14), CAC40 (-0,34), IBEX (0,34), FTSE MIB (0,16), Nikkei (0,60), Hang Seng (-0,63), Shanghai (-0,20), VIX (13), Baltic Dry (1373,00).

VALUTE €/x. $ (1,153), £ (0,876), ¥en (126,78), ¥uan (7,476), CHF (1,150), Aus (1,569), Can (1,531), Rub (73,805), Real (4,353), Won (1287,91), Rup (78,867), Lyr (5,497).

COMMODITIES. WTI (66,833), Brent (75,864), Gas (2,966), Oro (1301,59), Argento (17,171), Rame (3,200), Platino (907,00), Palladio (1008,25), Acciaio (4186,00), Alluminio (2171,00), Cobalto (81000), Nickel (15549,00), Litio (131,21), Soia (924,65), Grano (501,79), Cotone (93,41), Riso (12,283), Cacao (2568,00), Caffè (113,65), Avena (236,987), Lana (2021,00), Zucchero (11,89), Mais (351,211)

Report geopolitico del 12 giugno 2018

Rassegna ragionata dei principali accadimenti di politica internazionale

UNITÀ DI CRISI

AFGHANISTAN. Alcuni miliziani talebani hanno assassinato un governatore distrettuale della provincia di Faryab, rompendo il cessate il fuoco proclamato la settimana scorsa.

SUD AFRICA. Sono quattro i minatori morti a seguito del crollo della miniera di Kloof Ikamva, nei pressi di Johannesburg.

BANGLADESH. Le forti piogge monsoniche che hanno colpito il Bangladesh hanno causato la morte di 12 persone.

DIPLOMAZIA ALL’APERTO

USA-COREA DEL NORD. Si é concluso con una storica stretta di mano tra Donald Trump e Kim Jong-un il vertice di Singapore, al termine del quale é stato siglato un accordo per l’inizio di un processo di denuclearizzazione della penisola nord coreana.

É L’ECONOMIA, BELLEZZA

INDICI. DJ (-0,09), Nasdaq (0,39), FTSE 100 (-0,43), DAX (0,00), CAC40 (-0,38), IBEX (0,16), Nikkei (0,33), Hang Seng (0,20), Shanghai (0,91), FTSE MIB (0,15), VIX (12), Baltic Dry (1340,00).

VALUTE €/x. $ (1,178), £ (0,881), ¥en (130,03), ¥uan (7,549), CHF (1,161), Aus (1,550), Can (1,533), Rub (73,997), Real (4,360), Won (1272,14), Rup (79,501), Lyr (5,376).

COMMODITIES. WTI (65,033), Brent (75,810), Gas (2,897), Oro (1298,32), Argento (16,716), Rame (3,268), Platino (904,50), Palladio (1015,00), Acciaio (4260,00), Alluminio (2312,00), Cobalto (87750), Nickel (15423,50), Litio (130,60), Soia (996,38), Grano (531,459), Cotone (90,95), Riso (11,455), Cacao (2296,00), Caffè (118,20), Avena (241,425), Lana (2027,00), Zucchero (12,20), Mais (379,332).

Report geopolitico dell’11 Giugno 2018

Rassegna ragionata dei principali accadimenti di politica internazionale

UNITÀ DI CRISI

AFGHANISTAN. Un attentatore suicida si é fatto esplodere all’esterno di alcuni edifici ministeriali a Kabul, causando la morte di almeno 13 persone. L’attentato é stato rivendicato dall’ISIS.

SPAGNA. Circa 200mila persone hanno manifestato in tutta la regione, per riaffermare il loro diritto alla secessione dalla Spagna.

DIPLOMAZIA ALL’APERTO

UCRAINA. I ministri degli esteri di Francia, Germania, Russia e Ucraina si sono riuniti a Berlino, per discutere dell’attuale situazione nell’est ucraino.

COREA DEL NORD. Si svolgerà domani, a Singapore, il tanto atteso è più volte rimandato vertice tra Donald Trump e Kim Jong Un.

É L’ECONOMIA, BELLEZZA

INDICI. DJ (0,13), Nasdaq (0,23), FTSE 100 (0,11), DAX (0,60), CAC40 (0,43), IBEX (1,56), Nikkei (0,48), Hang Seng (0,35), Shanghai (-0,46), FTSE MIB (3,42), VIX (12), Baltic Dry (1340,00).

VALUTE €/x. $ (1,179), £ (0,881), ¥en (129,62), ¥uan (7,551), CHF (1,163), Aus (1,550), Can (1,534), Rub (73,790), Real (4,390), Won (1268,16), Rup (79,498), Lyr (5,329).

COMMODITIES. WTI (65,033), Brent (75,810), Gas (2,897), Oro (1298,32), Argento (16,716), Rame (3,268), Platino (904,50), Palladio (1015,00), Acciaio (4260,00), Alluminio (2312,00), Cobalto (87750), Nickel (15423,50), Litio (130,60), Soia (996,384), Grano (521,495), Cotone (90,95), Riso (11,455), Cacao (2296,00), Caffè (118,20), Avena (241,425), Lana (2027,00), Zucchero (12,20), Mais (379,332).

Report geopolitico del 7 giugno 2018

Rassegna ragionata dei principali accadimenti di politica internazionale

UNITÀ DI CRISI

IRAQ. L’esplosione di un deposito munizioni, situato nei pressi o all’interno di una moschea nel quartiere sciita di Baghdad, ha causato la morte di almeno 18 persone, molti sostenitori di Moqtada Al-Sadr recente vincitore delle elezioni politiche irachene.

AFGHANISTAN. Il presidente afghano Ashraf Grani ha annunciato il raggiungimento di un accordo con i talebani per un cessate il fuoco temporaneo.

É L’ECONOMIA, BELLEZZA

INDICI. DJ (0,37), Nasdaq (-0,66), FTSE 100 (0,11), DAX (-0,15), CAC40 (-0,17), IBEX (0,38), Nikkei (0,87), Hang Seng (0,79), Shanghai (-0,20), FTSE MIB (-0,18), VIX (12), Baltic Dry (1340,00).

VALUTE €/x. $ (1,183), £ (0,881), ¥en (130,26), ¥uan (7,566), CHF (1,161), Aus (1,545), Can (1,531), Rub (73,308), Real (4,587), Won (1266,42), Rup (79,438), Lyr (5,291).

COMMODITIES. WTI (65,033), Brent (75,810). Gas (2,897), Oro (1298,32), Argento (16,716), Rame (3,268), Platino (904,50), Palladio (1015,00), Acciaio (4260,00), Alluminio (2312,00), Cobalto (87750), Nickel (15423,50), Litio (130,60), Soia (996,384), Grano (521,495), Cotone (90,95), Riso (11,455), Cacao (2296,00), Caffè (118,20), Avena (241,425), Lana (2027,00), Zucchero (12,20), Mais (379,332).

Report geopolitico del 4 giugno 2018

Rassegna ragionata dei principali accadimenti di politica internazionale

UNITÀ DI CRISI

AFGHANISTAN. Un attentatore suicida su motocicletta si é fatto esplodere nei pressi di un luogo di ritrovo di clerici, a Kabul, causando la morte di 14 persone.

NIGERIA. Almeno 13 persone sono morte a seguito di due diversi attacchi terroristici avvenuti nello stato di Benue, situato nel centro della Nigeria.

GUATEMALA. 25 persone, tra cui tre bambini, sono morte, a causa dell’eruzione del vulcano Fuego.

UNA TESTA, UN VOTO

GIORDANIA. Dopo le numerose proteste popolari, dovute ad un progetto di legge per l’aumento delle tasse, il primo ministro Hani Mulqui ha presentato le proprie dimissioni, prontamente accettate dal re Abdallah II.

MADAGASCAR. Il primo ministro malgascio Olivier Mahafaly ha rassegnato le proprie dimissioni, come intimato da una sentenza della corte costituzionale, ed é stato sostituito da Christian Ntsay.

É L’ECONOMIA, BELLEZZA

INDICI. DJ (0,70), Nasdaq (0,65), FTSE 100 (0,47), DAX (0,37), CAC40 (0,14), IBEX (1,22), Nikkei (1,37), Hang Seng (1,63), Shanghai (0,52), FTSE MIB (-0,45), VIX (13), Baltic Dry (1042,00).

VALUTE €/x. $ (1,173), £ (0,876), ¥en (0,876), ¥uan (7,516), CHF (1,154). Aus (1,531), Can (1,514), Rub (72,662), Real (4,389), Won (1254,88), Rup (78,712), Lyr (5,418).

COMMODITIES. WTI (68,446), Brent (77,769), Gas (2,881), Oro (1299,44), Argento (16,512), Rame (3,055), Platino (908,61), Palladio (983,47), Acciaio (4075,00), Alluminio (2275,00), Cobalto (90750), Nickel (14724,00), Litio (127,89), Soia (1021,698), Grano (523,322), Cotone (92,49), Riso (11,690), Cacao (2529,00), Caffè (120,30), Avena (238,730), Lana (1983,00), Zucchero (12,60), Mais (392,199).