Oromo e Amhara alla ricerca dell’indipendenza

  
Le recenti proteste di una parte consistente della popolazione etiopica, appartenente ai due gruppi etnici principali del paese, Oromo e Amhara, unite all’immagine dell’atleta etiope Feyisa Lilesa che alle Olimpiadi di Rio ha tagliato il traguardo della maratona facendo il gesto delle manette, hanno acceso l’attenzione internazionale su alcune dinamiche poco conosciute del paese del Corno d’Africa. In Etiopia, ormai dai tempi della fine dell’imperatore Menghitsu, il potere politico è concentrato esclusivamente nelle mani della componente Tigray della società, che rappresenta il 6% circa della popolazione, mentre le altre etnie sono escluse da ogni tipo di partecipazione e coinvolgimento. Nel corso dell’ultimo anno Oromo e Amhara, le componenti maggioritarie del paese in quanto rappresentano, rispettivamente, il 34% e il 27% del totale della popolazione, hanno protestato numerose volte nei confronti del governo centrale: in particolar modo, si sono opposti ad alcuni progetti governativi di estensione del territorio della capitale Addis Abeba, tramite il ricorso all’espropriazione dei terreni di proprietà di contadini e strutture locali. Le proteste non si sono però fermate alle sole rivendicazioni locali, ma si sono allargate in una opposizione generale contro il landgrabbing, l’aumento del costo della vita, la mancanza di democrazia ed il mancato rispetto delle specificità locali. Non c’è ancora una rivendicazione specifica circa propositi di autodeterminazione ma, come accade nei casi in cui un’etnia minoritaria prevale nettamente su altre più numerose, le rivendicazioni di Oromo e Amhara potrebbero trasformarsi in qualcosa di più concreto, se le richieste non venissero accolte e l’unica soluzione dello stato fosse la dura repressione delle forze di polizia. Un sintomo prodromico di eventuali ulteriori sviluppi è rappresentato dall’insolita convergenza di interessi tra Oromo e Amhara, due etnie spesso in opposizione in passato, che potrebbero far fronte comune contro il predominio governativo dei Tigray.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...